Category: Digital Humanities

La memoria del Covid-19: gli archivi nati durante la pandemia

Un ricercatore austriaco, Tizian Zumthurn ha riflettuto sulle modalità con le quali sono nati, in tutto il mondo, diversi progetti di memorializzazione della pandemia. Zumthurn precisa che i progetti si possono dividere in due approcci metodologici diversi: quelli che raccolgono qualcosa di specifico relativamente alla pandemia e invece quelli che generano forme più aperte di crowdsourcing. Dieci casi di studio in dieci paesi sono stati selezionati perché rappresentano un’ampia varietà di istituzioni coinvolte nel collezionismo partecipativo e nella pubblicazione digitale aperta al pubblico delle loro collezioni online per l’insegnamento e la ricerca

Digital Public History Narratives with Photographs

Social Media are “a group of Internet-based applications that build on the ideological and technological foundations of Web 2.0, and that allow the creation and exchange of user-generated content.”[1] They facilitate various forms of web communication between individuals and communities. They can bring users together to discuss common issues and to share traces of the past. Local communities’ engagement with the past, mediated or not, are made possible through Web 2.0 practices. New virtual contacts could be built when communities are no longer present in physical spaces.[2]

Storia digitale o storia con il digitale ?

A livello internazionale invece, il terremoto del digital turn ha suscitato molti interrogativi nella professione confrontata globalmente con le incertezze sul futuro di una storiografia con il digitale, tra inquietudine e rigetto. La storia digitale richiede di riscrivere e reinterpretare i metodi professionali e di dominare le nuove pratiche nel digitale.[1] I cambiamenti delle pratiche professionali degli storici sono tali che ci dobbiamo interrogare su quali sia l’impatto di quella storia digitale sulle forme tradizionali di narrazione del passato e sui tempi della storia.[2] Ci possiamo chiedere se, alla luce della diffusione pubblica delle tecnologie, non dobbiamo rivedere in profondità il rapporto stesso che intratteniamo con il passato, la memoria e la storia nel presente.[3]

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search