Connecting Public History with Digital History (English, Italian & French)

The Italian Public History Manifesto

As we know, the social role of historians as experts and potential influencer of contemporary debates because of their knowledge of the past and their critical skills applied to original sources, is challenged today. This is what denounced in 2015 Jo Guldi and David Armitage in a Manifesto that has been widely commented worldwide and translated into Italian.

Homo Digitalis

Homo digitalis

Il digitale non solo ci circonda dai suoi strumenti e dagli schermi che guardiamo in continuazione, ma permea ogni aspetto della nostra vita. L’homo digitalis agisce in simbiosi con le tecnologie digitali e partecipa delle trasformazioni che stanno rimodellando, in poco tempo, anche gli aspetti più intimi e familiari della nostra vita, nelle relazioni sentimentali, nel lavoro, fino ad influenzare la politica, le istituzioni e le modalità del funzionamento delle nostre società […].

La Public History: innovazioni metodologiche e prospettive divulgative nella scienza storica. Una discussione nella rivista “Storia e Futuro”

SeF: Cominciamo da una semplice questione di definizione e di metodo: come definirebbe la Public History, tanto in positivo quanto in negativo? Cosa è, ma anche cosa “non è”, la Public History? […].

Per un ruolo attivo della “public history” nell’Unione Europea oggi

I cittadini europei si trovano ad affrontare una crisi globale del progetto politico ed istituzionale più importante del ventesimo secolo, quello dell’Unione Europea. Tuttavia, essi sono anche i diretti protagonisti di questa crisi di identità, che è anche crisi di conoscenza della storia e di un’agenda per una storia condivisa del travagliato passato europeo. Oggi, in alcuni paesi, soprattutto all’Est dell’Europa, è in corso una reinterpretazione del passato in chiave nazionalista e “patriottica” […]

Hundred years after WW1: Doing Public History with Twitter

Are social media capable of tackling issues that deal with the past, or do they merely constitute a series of visual icons on web pages that allow us to share what we see and read with a selected choice of virtual “friends”? Could it be that we perceive these logos as also representing a portal that promotes user-generated content and participatory culture?….