Category: Contemporary History

L’Histoire Publique comme histoire du temps présent

La conception du temps historique a été profondément débattue et repensée depuis la fin du XXe siècle surtout en raison de la chute du communisme soviétique et de ce que Francis Fukuyama écrivit sur la fin de l’histoire avec le triomphe des démocraties libérales et du capitalisme et l’avènement d’un présent perpétuel d’un ordre économique libéral. Dans le cadre de notre intervention nous ne prétendons pas résumer ce débat pluridisciplinaire sur le présentisme ravivé en France par François Hartog il y a une vingtaine d’années mais seulement commenter en quoi la Public History se positionne par rapport aux différentes temporalités du passé et aux mémoires collectives.

Obituary Peter Hertner, Professor of Economic and Social History at the Martin-Luther-Universität in Halle-Wittenberg (1942-2023)

Peter Hertner was born in 1942, in Ulm in Southern Germany. He studied in Heidelberg, Besançon, Basel, Strasbourg, Paris, and Marburg where he was awarded his diploma in economics in 1968, and he also obtained his PhD in 1971, with a dissertation on the economic and social history of Strasbourg, 1650-1715. He was an assistant professor at the Department of Social and Economic History in Marburg, from 1970 until 1977.

La memoria del Covid-19: gli archivi nati durante la pandemia

Un ricercatore austriaco, Tizian Zumthurn ha riflettuto sulle modalità con le quali sono nati, in tutto il mondo, diversi progetti di memorializzazione della pandemia. Zumthurn precisa che i progetti si possono dividere in due approcci metodologici diversi: quelli che raccolgono qualcosa di specifico relativamente alla pandemia e invece quelli che generano forme più aperte di crowdsourcing. Dieci casi di studio in dieci paesi sono stati selezionati perché rappresentano un’ampia varietà di istituzioni coinvolte nel collezionismo partecipativo e nella pubblicazione digitale aperta al pubblico delle loro collezioni online per l’insegnamento e la ricerca

La rivista “Ricerche Storiche” e gli albori della public history in Italia

Da una decina d’anni ormai, «Ricerche Storiche» (d’ora in avanti RS) è diventata in Italia una delle riviste di storia più attenta agli sviluppi della Public History (d’ora in avanti PH). Quando questo interesse è nato e in quali circostanze? E, soprattutto, come rintracciare eventualmente forme ancora inconsapevoli di PH nei cinquant’anni di storia della rivista? La domanda non è banale e prima di cercare di rispondere in questo intervento, non ero affatto sicuro di trovare dei semi intellettuali e metodologici che avrebbero potuto fare pensare ad una filiazione naturale tra ieri ed oggi.

The Italian Public History Manifesto

As we know, the social role of historians as experts and potential influencer of contemporary debates because of their knowledge of the past and their critical skills applied to original sources, is challenged today. This is what denounced in 2015 Jo Guldi and David Armitage in a Manifesto that has been widely commented worldwide and translated into Italian.

La Public History: innovazioni metodologiche e prospettive divulgative nella scienza storica. Una discussione nella rivista “Storia e Futuro”

SeF: Cominciamo da una semplice questione di definizione e di metodo: come definirebbe la Public History, tanto in positivo quanto in negativo? Cosa è, ma anche cosa “non è”, la Public History? […].

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search