Public History of Education: la Prima guerra mondiale memoria condivisa per l’Europa?

1.Commemorare la Prima guerra mondiale per rinforzare la coesione europea e la partecipazione civile.

La Prima guerra mondiale è così vista come la ragione storica iniziale della costruzione di un Europa unita nel secondo dopoguerra. Nel 1914, in Italia nel maggio 1915, cominciava la Prima guerra mondiale. Il Parlamento ha così utilizzato forme di comunicazioni pubblica della storia del conflitto riconducibili a pratiche di Public History con l’allestimento di mostre e musei. Le commemorazioni del centenario sono diventate un’occasione storica importante per rinforzare la memoria collettiva nell’Unione Europea.

Una nuova guerra dovuta al confronto tra nazionalismi non deve mai più accadere in futuro. La rielaborazione pubblica delle memorie collettive sul conflitto in Europa serviva a superare quei nazionalismi che ne causarono lo scoppio e che si riaffacciano nel ventunesimo secolo. L’Unione europea ha così promosso delle politiche culturali (2014-2019) sulla storia del continente. Queste tengono conto, in chiave pacifista, degli insegnamenti di quel conflitto immane. L’esperienza traumatica vissuta dai soldati nelle trincee era simile nei paesi Alleati e negli Imperi centrali. Attraverso commemorazioni favorite dalla UE, la Prima Guerra è diventata una parte integrante di una storia condivisa in tutti i paesi.

2.Il ruolo del Parlamento europeo: la Casa della Storia europea

Definire delle politiche culturali che guardano alla storia e alla memoria collettiva europea sono una costante del lavoro del Parlamento Europeo. Insieme al Consiglio dell’Unione europea che rappresenta i governi degli Stati membri, il Parlamento, ha varato una politica della memoria con un programma pluriennale per un Europa dei cittadini (2014-2020).[2]

Molte mostre sono state inaugurate in Europa durante il periodo del centenario. Ma per fare la storia del ventesimo secolo europeo, il Parlamento ha anche creato la Casa della storia europea[3] a Bruxelles (2017) con un’esposizione permanente che dedica uno spazio importante agli orrori e alle devastazioni che il primo conflitto mondiale impose a tutti i popoli dei paesi belligeranti.

La storia nei musei e nelle mostre e le politiche della memoria sono elementi essenziali della public history che favorisce sempre la partecipazione diretta delle comunità alla costruzione della loro storia con i racconti, le memorie e i documenti di famiglia. In ogni paese, famiglie detentrici di fonti storiche e di memorie sulla guerra, furono dovunque richieste di collaborare e di partecipare a raccolte memoriali.  Nella Casa della storia europea, tuttavia, questa partecipazione dei cittadini non avviene nella collezione permanente, ma è stata resa possibile con il progetto la mia casa della storia europea che raccoglie online le storie di ognuno, spesso basate su eventi personali che completano la “grande storia” e permettono così ai cittadini di ogni paese di sentirsi partecipi di una memoria collettiva della guerra.

Un Europa pacifica e democratica passa anche dalla storia e dalle memorie collettive comuni. I cittadini europei hanno condiviso testimonianze e memorie di famiglia. Molti progetti hanno coinvolto le popolazioni per commemorare il centenario della Prima Guerra. I metodi della public history non si limitano a comunicare la storia fatta dagli storici di professione senza coinvolgimento del pubblico. Il Parlamento europeo ha così richiesto la partecipazione dirette dei cittadini alla loro storia.

E voi cosa ne pensate, il futuro dell’Europa sarà pacifico tra i paesi del continente grazie all’Unione? Una politica della storia e della memoria condivisa può recitare un ruolo importante ?

3.Una pubblicità per grandi magazzini britannici usa il Primo conflitto mondiale. È un modo lecito di favorire la conoscenza storica e la costruzione di memorie collettive?

 La pubblicità (3,4 minuti) racconta la tregua del Natale 1914. Si può visualizzare su YouTube. Essa è ambientata la sera del 24 e nel giorno di Natale, il 25 dicembre 1914. [4]

In una trincea inglese, un soldato britannico, Jim Knight, riceve una fotografia della sua amata insieme ad una tavola di cioccolata per il Natale. Sullo sfondo il rumore dei colpi di artiglieria. Nevica, all’alba del 25 dicembre 1914. Jim guarda allo spazio che separa la sua trincea da quella dei nemici tedeschi, il cosiddetto “no man’s land”. Nella trincea tedesca si canta il Natale e gli inglesi rispondono con lo stesso canto natalizia in inglese. “Tutto è calmo e sereno” dice la canzone, forse almeno la mattina del Natale, non ci saranno ostilità e la guerra sarà sospesa? Ormai è giorno, fa estremamente freddo e Jim sale allo scoperto per dare un segnale di pace ai tedeschi ed entra nel no man’s land, per salutare il nemico, mentre, passata la paura di un attacco, un altro giovanissimo soldato tedesco di nome Otto decide di fare altrettanto. Jim e Otto si stringono la mano seguiti da molti soldati di entrambi gli schieramenti. Si organizza una partita di calcio. Il sole fa la sua apparizione sulla neve, gli uomini tifano appassionatamente sul campo di calcio improvvisato. Tolti gli uniformi, si capisce che questi giovani combattenti sono in realtà tutti uguali. Il rumore dell’artiglieria lontana rimanda tutti alla guerra e alle rispettive trincee interrompendo la tregua. Il clip pubblicitario si conclude quando Otto scopre che Jim li ha infilato la sua tavoletta di cioccolato in tasca per fargli un regalo di Natale. Una frase in inglese, il Natale è fatto per condividere (con l’hashtag #ChristmasIsForSharing) si sovrappone al cielo sopra le trincee e appare il logo dei grandi magazzini Sainsbury che vendono prodotti natalizi.

La pubblicità appare solo alla fine del clip con una nota che dice che il video è stato realizzato anche con l’aiuto della Royal British Legion un’associazione caritativa di veterani in Gran Bretagna. La storia coinvolge certamente chi guarda il clip. Un altro video racconta cosa fu la tregua di natale.[5]

Sembra che una tregua di 48 ore fu concordata ufficiosamente e che solo in una piccolissima porzione della linea di fronte alcuni soldati vinssero le loro paure per uscire dalle trincee. In realtà anche il giorno di natale diversi soldati britannici furono uccisi dai tedeschi in altre zone del fronte perché non accettavano una tregua.

Al di là del messaggio del clip e del suo contenuto positivo e di speranza, un’analisi critica permette di capire se il clip inventasse una leggenda o era basato su eventi realmente accaduti. La tregua ci fu, ma non fu ufficiale. Siamo quasi sicuri però dell’avvenuta partita di calcio tra alleati e tedeschi.  Non ci sono documenti militari che la attestano. Solo le lettere dei combattenti alle loro famiglie e i diari dei combattenti permettono di sapere cosa successe realmente.[6]

Tuttavia la tregua, e anche la pubblicità dei grandi magazzini Sainsbury che la romanticizza (il video è stato visto quasi 25 milioni di volte), indica un messaggio positivo, quello della permanenza dell’umanità anche durante un evento come la guerra di trincee. Questo messaggio è all’unisono sul come oggi, in un Europa unita, si interpreta il primo conflitto in chiave pacifista e di garante del fatto che, mai in futuro, si dovrà ripetere una tale catastrofe.

Il pubblico verrà convinto dall’etica umanista e dalla morale pacifista o sarà il messaggio pubblicitario a suggerisce di comprare i prodotti dei grandi magazzini Sainsbury? E anche se vincesse il messaggio commerciale, possiamo stigmatizzare l’uso di un evento storico di questa portata perché realizzato con quei fini? I vostri pareri sono divergenti? Volete contribuire al dibattito crirtico condividendo la vostra opinione in merito?

4.Il diario di un analfabeta siciliano formato alla violenza durante il primo conflitto mondiale

Come abbiamo visto finora, la public history favorisce l’uso di fonti come le memorie individuali e di famiglia come parti delle memorie collettive e dell’identità delle comunità. Queste testimonianze vengono utilizzate per comunicare la storia con diversi media e a diversi pubblici anche con l’intento di emozionare come la pubblicità sulla tregua di Natale insegna.

Un diario personale è stato scritto tra il 1969 e il 1975 per raccontare ai figli la propria vita. Fontanazza il diario di Vincenzo Rabito, un analfabeta nato in Chiaramonte Gulfi, provincia di Ragusa, nel 1899 e con la sola licenza elementare, ci fa entrare nelle violenze del ventesimo secolo. Rabito racconta il Novecento nelle fitte pagine dattiloscritte raccolte in quaderni legati con una corda. Il secolo breve comincia con la Prima guerra mondiale che forgerà una visione brutale della società che accompagnerà Rabito per tutta la sua vita e ne farà, nel primo dopoguerra, uno squadrista e un convinto fascista. Conservato nell’Archivio dei Diari di Pieve Santo Stefano in provincia d’Arezzo, “l’epopea picaresca … [è] raccontata in mille fittissime pagine, con il punto e virgola a dividere ogni parola dalla successiva. Così la guerra sul Piave è spogliata di ogni retorica – cinico e disincantato, Vincenzo pensa solo a dormire e mangiare.[7] 

Giovanni Rabito, il figlio di Vincenzo ha fatto una scoperta sbocciata poi in un nuovo romanzo di suo padre: «fu solo in seguito al successo di Terra matta che mi ricordai dell’esistenza di un secondo plico di dattiloscritti conservati a casa di mio fratello Turi, a Ragusa. Dopo la morte di mio padre ero stato proprio io a consegnare quel malloppo a mia cognata Lucia per preservarlo dalla distruzione…”». Quindici nuovi quadernoni per un totale di 1486 pagine sono stati così pubblicati da Einaudi nel 2022, è il secondo memoriale di Vincenzo Rabito, Il romanzo della vita passata.

Il diario di Rabito è scritto con “una lingua inventata, né italiano né dialetto, musicale ed espressiva come quella di un cantastorie. … Il punto di vista inedito è quello di un ultimo che, scrivendo la propria autobiografia, rilegge la storia d’Italia in una narrazione appassionata e travolgente che emoziona e commuove, obbligando a fare i conti con verità contraddittorie e scomode.”[8]  Un documentario chiamato Terramatta, il Novecento italiano di Vincenzo Rabito analfabeta siciliano è stato girato nel 2012 a partire del diario che è stato poi pubblicato dalla casa editrice torinese Einaudi nel 2014. Ogni giorno, dal 1968 al 1975, chiuso a chiave nella sua stanza, “… Rabito ha digitato su una vecchia Olivetti la sua autobiografia. Ha scritto, una dopo l’altra, 1027 pagine a interlinea zero, senza lasciare un centimetro di margine superiore né inferiore né laterale, nel tentativo di raccontare tutta la sua «maletrata e molto travagliata e molto desprezata vita»”.

È l’esperienza personale del ragazzino soldato nato nel 1899 che interessa. Rabito come molti dei suoi coetanei fu ingaggiato a 18 anni per bloccare l’avanzata austriaca dopo il disastro di Caporetto del 1917 e Difendere la patria era il compito dell’ultima chiamata di leva ad avere combattuto la guerra, nel 1917-1918. Il ventesimo secolo di Rabito sarà poi la conseguenza dell’abitudine alle violenze anche contro i civili descritte nel diario.

Tuttavia, quell’esperienza fu identica a quella vissuta dai tanti giovani come lui. L’esperienza di guerra, i traumi di guerra che i soldati si portarono nel dopoguerra, hanno influenzato e plasmato la storia dei paesi europei tra le due guerre mondiali. Un’abbondante letteratura e filmografia ha rivelato al grande pubblico il disagio patito da quei giovani nell’affrontare la pace nel dopoguerra. Un esempio recente ne è la serie televisiva tedesca Babylon Berlin (2017-2020) nella quale Gereon Rath, un ispettore di polizia della repubblica di Weimar, fa quotidianamente i conti con i traumi che il suo corpo e la sua mente hanno subito nelle trincee.


[2] Regolamento (UE) n. 390/2014 del Consiglio, del 14 aprile 2014, che istituisce il programma «L’Europa per i cittadini» per il periodo 2014-2020, https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?qid=1398334046443&uri=OJ%3AJOL_2014_115_R_0002
[3] https://historia-europa.ep.eu/ e https://visiting.europarl.europa.eu/it/visitor-offer/brussels/house-of-european-history
[4] https://youtu.be/NWF2JBb1bvM
[5] The story behind 1914, Christmas Ad, Sainsbury’s, URL https://youtu.be/2s1YvnfcFVs
[6] Christmas truce for promoting sales, https://webgate.ec.europa.eu/sr/speech/christmas-truce-promoting-sales e Kathryn N. McDaniel. “Commemorating the Christmas Truce: A Critical Thinking Approach for Popular History”, in The History Teacher, Vol. 49, No. 1 (November 2015), pp. 89-100, URL https://www.jstor.org/stable/24810501
[7] https://catalogo.archiviodiari.it/diari/3564
[8] https://www.cliomediaofficina.it/portfolio-2/cinema-e-documentari/terramatta-il-novecento-italiano-di-vincenzo-rabito-analfabeta-siciliano/


You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search