Tagged: Italy

La public history italiana si fa strada: un museo a Predappio per narrare la storia del ventennio fascista

La storiografia sul fascismo e sulle sue interpretazioni ha talvolta scatenato vivaci discussioni nella comunità, spesso sonnolente, degli storici accademici. Tuttavia, fare la storia del fascismo fuori dai libri accademici e confrontarsi con opposte memorie rimane un impresa ancora da compiere. Forse è per questo motivo che l’eventualità di aprire un Museo che tratti la storia del Fascismo a Predappio, in Romagna, nella ex Casa del Fascio e dell’Ospitalità, sta suscitando un forte dibattito pubblico limitato, per il momento, all’Italia.

Storia digitale o storia con il digitale ?

A livello internazionale invece, il terremoto del digital turn ha suscitato molti interrogativi nella professione confrontata globalmente con le incertezze sul futuro di una storiografia con il digitale, tra inquietudine e rigetto. La storia digitale richiede di riscrivere e reinterpretare i metodi professionali e di dominare le nuove pratiche nel digitale.[1] I cambiamenti delle pratiche professionali degli storici sono tali che ci dobbiamo interrogare su quali sia l’impatto di quella storia digitale sulle forme tradizionali di narrazione del passato e sui tempi della storia.[2] Ci possiamo chiedere se, alla luce della diffusione pubblica delle tecnologie, non dobbiamo rivedere in profondità il rapporto stesso che intratteniamo con il passato, la memoria e la storia nel presente.[3]