Tagged: digital humanities

DPH: bringing the public back in

Digital History has reshaped the documentation methods of historians, especially their means of accessing and storing history. However, this seismic shift has occurred without any thorough critical discussion of these digital tools and practices. Digital history aims to create new forms of scholarship and new digital objects for the web.[1] But we need to ask in which ways—if any—Digital Public History (DPH) is distinct from an innovative digital history?

Storia digitale o storia con il digitale ?

A livello internazionale invece, il terremoto del digital turn ha suscitato molti interrogativi nella professione confrontata globalmente con le incertezze sul futuro di una storiografia con il digitale, tra inquietudine e rigetto. La storia digitale richiede di riscrivere e reinterpretare i metodi professionali e di dominare le nuove pratiche nel digitale.[1] I cambiamenti delle pratiche professionali degli storici sono tali che ci dobbiamo interrogare su quali sia l’impatto di quella storia digitale sulle forme tradizionali di narrazione del passato e sui tempi della storia.[2] Ci possiamo chiedere se, alla luce della diffusione pubblica delle tecnologie, non dobbiamo rivedere in profondità il rapporto stesso che intratteniamo con il passato, la memoria e la storia nel presente.[3]