Public History: un nuovo modo di avvicinarsi alla storia? Una giornata di discussione all’Università Ca’ Foscari di Venezia

Come definire la Public History ? Come introdurre la Public History ?

Finora i pochi manuali in inglese che di quest’argomento trattano -e in prospettiva (2015) anche la Oxford Enciclopedia for Public History- si sono limitati ad indagare sul come si fa storia fuori dall’università e con quali pubblici.

La prospettiva è certamente molto vicina alle descrizioni delle pratiche individuali con il passato che le ego-storie hanno messo in mostra spiegando l’itinerario intellettuale degli individui alle prese con il mestiere di storico.

Le due edizioni del bel libro curato da James B. Gardner e Peter S.La Paglia hanno aggiornato il primo vero manuale introduttiva alla “Public History” pubblicato nel 1986 da Barbara J.Howe e Emory L.Kemp, e sono l’emblema di un approccio personalizzato al campo della Public History.

Si tratta di definire i “settings” gli ambiti, nei quali si fa storia pubblica, “public history”, e di interrogarsi su come si fa storia in quelle dimensioni che non sono quelle tradizionali dell’insegnamento e della ricerca universitaria nella quale si insegna e si pubblica solo per i “pari”. I “public historians”, che portano fuori dall’accademia i valori professionali che definiscono il mestiere di storico, si propongono altre modalità di pubblicazione e di comunicazione della storia, spesso partecipative. E da questo punto di vista, le possibilità sono molte e diversificate, spesso appassionante, coinvolgenti e gioiose come tenteremo di vedere .durante la giornata Veneziana di qui sotto.In quel libro, i Public Historians stessi descrivono le loro pratiche, le loro esperienze personali con la storia, i luoghi dove lavorano con la storia, i media di diffusione che usano per parlare del passato, i pubblici con i quali interagiscono.

Università Ca’ Foscari – Dottorato in Studi sull’Asia e sull’Africa – Dottorato di ricerca in Storia sociale europea dal medioevo all’età contemporanea

Centro Interuniversitario di Storia Culturale (CSC)

 

 

Public History. Un nuovo modo di avvicinarsi alla storia

Martedì 8 aprile 2014 h. 10.00

Ca’ Vendramin ai Carmini, sala A

Rolf Petri, Presentazione

10.15-11.00

Serge Noiret, Introduzione alla Public History

11.00-11.30

Cécile Franchetti, Un Time travel tra Venezia e Istanbul

11.30-12.00

Emilio Franzina, La comunicazione storica ‘in musica’ (anche) attraverso una
esperienza personale

12.00-12.30 Discussione

12.30-14.00 Pausa Pranzo

14.00-14.30

Vittorio Lora, Teatro, musica e poesia: memorie divise

14.30-15.00

Maria Pia Pedani, Dalla Storia alle storie: la Sultana veneziana

15.00-15.40

Discussione

15.45-16.00

Rolf Petri, Conclusioni


You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *